Quante Storie – Il Coraggio e la Paura

In primo piano

Schermata 2020-06-25 alle 21.39.54

La paura, sentimento dominante di questi ultimi mesi, riesce nello stesso tempo a metterci sulla difensiva e a farci diventare aggressivi. Ma per il teologo Vito Mancuso, ospite di Quante Storie, la paura può anche aiutarci a far emergere la verità su noi stessi e a scoprire il nesso profondo che lega il coraggio alla conquista della libertà. Una proposta per uscire dal timore del contagio attraverso una nuova saggezza, capace di coniugare spiritualità orientale, filosofia classica e insegnamenti della tradizione cristiana. È possibile rivedere la trasmissione seguendo il link sotto:

Vito Mancuso – Il Coraggio e la Paura RaiPlay [Link]

Pubblicato in Home

Bristol Talk “Scienza e Umanesimo”

Raffaella Pannuti e Vito Mancuso

QUANDO LA SCIENZA SPOSA L'UMANESIMO, conduce Lorenzo Benassi Roversi.

Nel video si parla di come sia indispensabile unire due elementi che spesso sembrano agire su due piani diversi. L'umanesimo come pensiero attivo che permette anche alla scienza di essere collocata dove l'uomo e la sua realtà non ricevono tutte le risposte di cui necessita l'anima.

Pubblicato in Home

La Terra Santa di Credenti e Perplessi

A causa dell'emergenza Coronavirus il viaggio in Israele accompagnati dal teologo Vito Mancuso è stato posticipato al mese di marzo 2021

Schermata 2020-01-30 alle 18.22.04

«La Terra Santa non è santa per tutti allo stesso modo. Per alcuni lo è per la fede, per altri lo è per la cultura, per altri per la storia e la politica, per altri ancora è santa tanto quanto lo sono altri luoghi sacri dell’umanità. Questo viaggio è pensato per tutte queste disposizioni della mente e del cuore verso l’antichissima terra di Israele: si rivolge sia a chi vuole conoscere le radici storico-geografiche della propria fede, sia a chi ha un approccio solo culturale verso i territori culla della spiritualità occidentale. Si rivolge ai credenti, ai curiosi, ai perplessi, scommettendo persino sull’arricchimento reciproco durante gli otto giorni e le sette notti del viaggio. Il deserto, le oasi, il Mar Morto: ovvero la primordialità primitiva degli elementi naturali. Il Muro del pianto, il Monte Sion, la Città di Davide: ovvero i luoghi sacri dell’ebraismo. Nazaret, il Monte degli Ulivi, il Santo Sepolcro: ovvero i luoghi sacri del cristianesimo. La Spianata delle Moschee, la Cupola d’oro, la Cupola dell’Ascensione: ovvero i luoghi sacri dell’islam. Yad Vashem: ovvero la sacra memoria della storia del ‘900. Natura, storia religiosa e storia politica si fondono in un’unica totalizzante esperienza alla ricerca di sé, delle proprie radici e delle proprie inquietudini». (Vito Mancuso)

Info e prenotazioni LA TERRA SANTA DEI CREDENTI E DEI PERPLESSI

Prenotazioni al sito GeaWay [Link]

Programma:

LA TERRA SANTA DEI CREDENTI E DEI PERPLESSI

Pubblicato in Home

Wyde conversazioni necessarie: la bellezza

In Wyde crediamo che Bellezza sia una delle esperienze che danno senso alla vita. Come ha detto il  principe Miškin, nell'Idiota di Dostoevskij sarà la Bellezza a salvare il mondo. Perchè la nostra vita è sempre intimamente legata all’idea di realizzare e sperimentare una qualche forma di armonia sia come individui, sia come collettività. Giovedì 21 Maggio abbiamo parlato di “Bellezza”, delle sue origini e della nostra possibilità di partecipare, creare e goderne, con:

  • Gregorio Di Leo, Co-Founder di Wyde – Connective School
  • Vito Mancuso, Scrittore, teologo e filosofo.

Le "Conversazioni Necessarie" vanno in diretta sui nostri canali, per partecipare ti basta etrare in uno di questi link:

Ora dobbiamo scegliere chi vogliamo essere, sciacalli o pompieri

Il teologo e docente interviene sugli effetti della pandemia in atto ponendo l’accento sui mutamenti interiori causati dall’emergenza

Schermata 2016-02-27 alle 17.38.55

Intervista di Letizia Michielon per Il Piccolo, 11 maggio 2020

Sciacalli o pompieri [PDF]  Il Piccolo [Link]

Tra gli effetti suscitati in questi mesi dall’emergenza Covid e dall’isolamento sociale, vi è sicuramente la necessità di tornare a confrontarci in modo più profondo con la dimensione spirituale. Ne abbiamo parlato con Vito Mancuso, intellettuale il cui pensiero è stato spesso oggetto di discussioni e polemiche per le posizioni non sempre allineate con le gerarchie ecclesiastiche, sia dal punto di vista etico che dogmatico.

Quando la scienza rivela la propria fragilità, quale conforto può venirci dalla fede?

«Io non penso – risponde Mancuso – si debba parlare di fragilità della scienza, la scienza al contrario in questo momento è una delle forze più affidabili, è grazie a lei che sappiamo qual è la minaccia e com’è fatta, che molti guariscono, e che probabilmente tra un po’ avremo il vaccino. La fragilità non è della scienza, ma è dell'idolo della scienza, cioè di quella visione che ritiene che la tecnologia possa risolvere tutto in quanto più forte della natura. In questo senso la pandemia ci riporta al giusto senso delle proporzioni. La fede può dare un conforto nel ritenere che, malgrado le minacce che ne provengono, la natura è positiva, è madre: è la realtà grazie alla quale viviamo e di cui viviamo. Tutti dovremmo riscoprire la “riverenza verso la vita” di cui parlava Albert Schweitzer, teologo, medico, musicista, Nobel per la pace».

Continua a leggere

Pubblicato in Home

«È stata violata la libertà di culto»

Lettera aperta all’Arcivescovo di Milano Mario Delpini di padre Luciano Mazzocchi

cq5dam.thumbnail.cropped.1000.563

È stata violata la libertà di culto [PDF]

Amatissimo Arcivescovo Mario, nella festa di Santa Caterina patrona d'Italia, la speranza potente, mistica, creativa di questa donna ritorni ad animare la nostra Chiesa e società italiana.

Tra le tante voci che le giungono circa la nostra presenza come Chiesa in questo tempo e in questa terra italiana, le chiedo di ascoltare anche la voce di un anziano missionario, già in Giappone e ora in Milano.
Subito le confesso che riconosco il valore sacro del luogo della preghiera e soffro quando seduto nel confessionale del Duomo sento e vedo molto più turismo che preghiera. Quando, dopo una faticosa scalata, si approda all'Abbazia di San Pietro al Monte, viene spontaneo affidare il proprio corpo affaticato all'abbraccio dell'edificio sacro e sostare nell'armonia vetusta e umile di quelle pietre che monaci e pellegrini hanno scolpito, irrorandole di sudore, a volte, anche di gocce di sangue. Infine ci si sente uno con le rocce, con i boschi, con i prati, con il sole, e ovviamente con tutti coloro che hanno pregato in quel luogo …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Il coraggio di diventare migliori

La crisi che stiamo vivendo offre grandi opportunità di trasformazione. Il cambiamento, però, non arriva da solo. Le virtù vanno attivate, usando ciascuno il proprio carburante: la fede, l’arte, la bellezza. E poi coltivate con impegno nella palestra dell’anima. Ce lo spiega il teologo Vito Mancuso.

intervista di Sabrina Barbieri

Virtù-Cardinali-2

Il coraggio di diventare migliori [PDF1]  Il coraggio di diventare migliori [PDF2]

“Ne usciremo migliori”. Sembra il mantra di questi giorni sospesi. Lo ascoltiamo, lo leggiamo, ce lo ripetiamo. Ma davvero la pandemia provocata dal Covid-19 ci farà compiere il salto verso una società moralmente più sana? Basta aver vissuto dolore, paure e speranze per diventare persone migliori o serve il coraggio di scelte radicali? E cosa significa migliorarsi? Ne abbiamo parlato con Vito Mancuso, teologo e filosofo, che nell’ottobre scorso ha pubblicato per Garzanti un libro ora di stringente attualità: La forza di essere migliori, appunto. Un saggio che mette al centro della riflessione il bene e ci conduce in un viaggio attraverso le virtù.

Questa esperienza ci migliorerà come individui?

«Mi piacerebbe crederlo, ma dipenderà molto dal lavoro interiore che sapremo fare. Di sicuro abbiamo un grandissimo bisogno di migliorare. L’etica dovrebbe entrare di diritto nel kit di sopravvivenza dell’umanità» …

Continua a leggere

Pubblicato in Home