Perchè negare questa libertà?

In primo piano

Intervista di Silvia Bignami al prof. Vito Mancuso sul tema del fine vita, pubblicata su Repubblica Bologna del 14 febbraio 2024
 
173301586-166f9bf1-df67-4d83-a7c6-d941e4d4a17f
 
 
«Io credo che uno Stato debba garantire di vivere in libertà anche l'ultimo momento della vita, che è la morte. In questa libertà sta la sacralità della vita stessa. Se essere cattolico significa negare questa libertà, se significa solo obbedienza al magistero, allora io sono credente, ma non sono più cattolico." Il teologo Vito Mancuso è favorevole al fine vita e ragiona sul travaglio dei cattolici, anche tra gli eletti in consiglio regionale, decisi a votare no alla legge proposta dall'associazione Luca Coscioni. "La morte è l'ultima pagina del libro della nostra esistenza – spiega Mancuso – perché non dovremmo consentire a ognuno di viverlo come crede? O dobbiamo costringere le persone a buttarsi dal balcone, come ha fatto Mario Monicelli? Non tutti ne hanno il coraggio».
 
Mancuso, la Regione ha approvato le linee guida per il fine vita con una delibera, ma non ha fatto una legge. Doveva almeno provarci?
 
«Non prendo posizione su questo aspetto, non è mio compito e non ne ho le competenze. Tanto più in un mondo in cui tutti prendono posizione su tutto, io le dico che non so se lo strumento sia quello giusto. Quello su cui posso dire qualcosa è invece il tema etico di fondo. E su questo io credo sia giusto che uno Stato garantisca di vivere in libertà anche la morte, che conceda il libero arbitrio su se stessi».
 

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Officine di Spiritualità II edizione

In primo piano

ISOLA DI SAN SERVOLO, DA VENERDÌ 5 A DOMENICA 7 APRILE 2024

CONSENSI Il corpo che dice sì allo spirito

Schermata 2024-02-14 alle 11.45.04

Programma Officine spiritualità 2024 [PDF]

Info e Quote [PDF]

Officine Spiritualità 2024 Iscrizioni [Link]

Spesso un’idea malintesa di spiritualità ha portato a guardare il corpo con sospetto, a trattarlo come una pietra di inciampo lungo la via dello spirito, o come un ostacolo nell’accesso a dimensioni più sottili dell’esperienza. Di contro, nel nostro mondo di ogni giorno il corpo è esaltato al massimo grado: quasi oggetto di culto, viene curato e tonificato per avvicinarlo a una forma ideale, con il rischio però di farne una superficie senza profondità, un’apparenza levigata senza mistero.

In un caso e nell’altro, ciò che si ottiene è un’astrazione incompleta e l’integrazione tra spirito e materia, indispensabile per cogliere davvero il prodigio della vita, va perduta.

A Venezia, immersi nella bellezza dell’isola di San Servolo, proveremo allora a non contrapporre realtà corporea e realtà spirituale, ma a congiungere vitalità dei sensi e contemplazione, alla ricerca di una visione unitaria dell’essere umano in cui il corpo non sia zavorra, rivestimento o prigione, ma punto d’appoggio, grammatica per intendere il linguaggio della trascendenza e dire sì allo spirito.

A guidare i partecipanti in queste tre giornate residenziali di formazione umana e spirituale:

- il monaco e tanatologo Guidalberto Bormolini e il fisico e inventore Federico Faggin, che incrociando ambiti di studio ed esperienze umane e professionali, apriranno le Officine confrontandosi sull’abbraccio possibile tra materia e spirito. A Bormolini anche il compito di riflettere sul cuore come strumento di relazione tattile e di condurre i partecipanti nei territori della meditazione;

- la poeta Mariangela Gualtieri, che consegnerà ai presenti la straordinaria forza orale della poesia con un Rito sonoro e con un articolato laboratorio in cui farà sperimentare l’incanto fonico non solo per mezzo di ascolti e riflessioni, ma anche attraverso il gioco, il fare delle mani, il camminare, il canto (con la collaborazione dell’attrice Elena Griggio);

- il teologo Vito Mancuso, che in due appuntamenti di taglio seminariale esplorerà le dimensioni sensoriali del vedere e del sentire e approfondirà il ruolo che tali esperienze hanno assunto nel cammino della spiritualità ebraica e cristiana.

Il programma è a cura di Armando Buonaiuto, già curatore del Festival Torino Spiritualità.

L’evento è ideato e realizzato da San Servolo srl, società in house della Città metropolitana di Venezia, con il supporto di Infinityhub SpA Benefit.


Programma:

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Prossimi appuntamenti con Vito

In primo piano

MILANO giovedì 14 marzo Museo Diocesano, Piazza Sant'Eustorgio, 3 ore 18.30

Nell’ambito del SOUL FESTIVAL DI SPIRITUALITÀ, Prima Edizione “MERAVIGLIA, LA VIGILIA DI OGNI COSA”, conferenza del prof. Vito Mancuso dal titolo "Un retrobottega tutto nostro".Ingresso Libero con prenotazione obbligatoria sul sito www.soulfestival.it

SOUL


CALDERARA DI RENO (BO) venerdì 22 marzo Casa della Cultura Italo Calvino, via Roma 29 ore 21.00  

Nell’ambito della rassegna "Resistenze – l'indifferenza è complice", in collaborazione con ANPI, il Prof. Vito Mancuso presenterà il suo saggio "NON TI MANCHI MAI LA GIOIA Breve itinerario di liberazione”. Ingresso Libero.


MODENA sabato 23 marzo Via Orlandi, 20/A ore 18.00

ASIA Modena Centro Mindfulness Mente & Vita propone una serie di incontri sul tema “GIOIA". Il Prof. Vito Mancuso presenterà il suo saggio "NON TI MANCHI MAI LA GIOIA Breve itinerario di liberazione. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria sul sito www.asiamodena.it a partire dal 10 marzo.

Pubblicato in Home

Astinenza e castità

In primo piano

Francesco

Astinenza e castità [PDF]

Nella sua ultima catechesi pubblica papa Francesco ha distinto astinenza e castità sorprendendo non pochi. Ma come? Non sono la stessa cosa? Fare “voto di castità” non significa “astenersi” da ogni relazione sessuale? E poi, seconda obiezione: non sarebbe meglio che la Chiesa smettesse di fare la morale agli altri in materia sessuale, visto che la pedofilia del clero è diffusa dai semplici preti ai cardinali in tutto il pianeta? I temi quindi sono due: 1) astinenza e castità; 2) legittimità della morale sessuale ecclesiastica.  

Sul primo aspetto il Papa non ha fatto altro che riprendere una distinzione tradizionale, già il concilio Vaticano II infatti dichiarava che “gli atti con i quali i coniugi si uniscono in casta intimità sono onorevoli e degni” (Gaudium et spes, 49). Si può dare quindi unione sessuale (cioè assenza di astinenza) e “insieme” castità. La castità non coincide sempre con l’astinenza. Vi coincide per coloro che hanno fatto voto di castità, ma per gli altri essa indica lo stile con cui praticare l’unione sessuale, praticata non all’insegna dello sfruttamento e della rapina ma di quella donazione reciproca da cui deriva “casta intimità” …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

La solitudine di Francesco

In primo piano

Intervista di Giovanni Panettiere per 

Quotidiano.net [Link]

Schermata 2024-01-16 alle 18.41.53

Non c’è solo la proverbiale ironia di papa Francesco dietro quel suo riconoscersi solo alla luce di scelte pastorali coraggiose, da ultima il via libera alle benedizioni delle coppie gay. «Traspare anche una certa paura, mista ad amarezza, per il rendersi conto che ampie fette della Chiesa, quelle più praticanti, non lo stanno seguendo», è il teologo Vito Mancuso a mettere il dito nella piaga della crescente solitudine di Bergoglio sullo sfondo dell’apparizione di quest’ultimo al programma Che tempo che fa.

Anche a livello internazionale gli appelli del Papa per l’ambiente e la pace cadono regolarmente nel vuoto, non trova?

Assolutamente sì, ma, pur se non viene dato seguito ai suoi moniti, non esiste al mondo altra autorità morale e spirituale eccetto la sua. E questo disturbare il potere politico ed economico, anche a costo di fallire, rappresenta la sorte stessa di Francesco.

Un destino da 3 milioni di spettatori rimasti incollati l’altra sera alla tv per ascoltare le sue parole… 

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Secondo viaggio in Grecia con Vito Mancuso

In primo piano

«CONOSCI TE STESSO»

Secondo viaggio in Grecia con Vito Mancuso da 22 al 29 ottobre 2024 alla ricerca delle nostre radici tra filosofia, teologia, spiritualità e arte  

meteore

Il senso del viaggio è in continuità con lo spirito che ha animato il precedente itinerario in Israele (La Terra Santa dei credenti e dei perplessi), come si può comprendere dall'introduzione del prof. Vito Mancuso: 

«Un grande intellettuale del secolo scorso, Erich Auerbach, nella sua famosissima opera Mimesis, osservava che la nostra cultura occidentale è rinconducibile a due matrici: da un lato la Bibbia, dall’altro l’Odissea. Abramo e Ulisse: il pellegrino che esce dalla sua casa per incamminarsi verso la terra che Dio gli indica e il viaggiatore intrepido che, dopo innumerevoli prove, ritorna ad Itaca, sono i due miti che hanno forgiato la nostra visione della realtà e che ciascuno, dentro di sé, può riconoscere in perenne confronto dialettico».  

È appunto con questo spirito che nasce il nuovo itinerario in Grecia. Sollecitati da quel “conosci te stesso”, pronunciato dall’oracolo di Delfi, i partecipanti riscopriranno le radici più profonde della nostra visione del mondo, aiutati dalla riflessione filosofica che lì è nata e dalla teologia cristiana che con essa si è confrontata, accettandone contenuti e linguaggio. Respireranno e assaporeranno la spiritualità di quel Paese, ricco di bellezze naturali mozzafiato e di opere artistiche che hanno condizionato il gusto estetico occidentale, convinti che – come disse Simone Weil, una delle più limpide menti del Novecento – di fronte a un simile fulgore è impossibile non riconoscervi le tracce del mistero che si manifesta in quella che, non a caso, lei definiva “La rivelazione greca”. 

Info costi ed scrizioni al sito Geaway [Link]

Programma:

1° giorno ITALIA – SALONICCO (TESSALONICA) 

Ritrovo dei partecipanti in aeroporto di Milano Malpensa. Disbrigo delle formalità di imbarco e partenza con volo di linea per SALONICCO. All’arrivo incontro con la guida. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Epifania di guerre

In primo piano

La manifestazione della divinità del Cristo quest’anno coincide con i conflitti e la paura di un mondo fuori controllo ma occorre risvegliarsi alle meraviglie quotidiane

Pignarul

Epifania di guerre [PDF]

Epifania letteralmente significa “manifestazione” e nel suo uso tradizionale il termine rimanda alla triplice manifestazione della divinità di Cristo, iniziata con l’omaggio a Betlemme dei Magi e compiuta nel battesimo al fiume Giordano e nel miracolo alle nozze di Cana. La radice di epifania proviene dal verbo greco “phaíno”, che significa “apparire, portare alla luce, manifestarsi”, da cui deriva anche il sostantivo “fenomeno”. Ben al di là dell’uso colloquiale con cui noi designiamo una cosa o una persona straordinaria dicendo per esempio “lei è un fenomeno”, il termine fenomeno indica ogni oggetto della nostra conoscenza sensibile, nel senso che noi possiamo conoscere solo “fenomeni”: non cioè le cose e le persone per quello che sono veramente in se stesse, ma solo per quello che appaiono a noi. La nostra conoscenza è sempre necessariamente fenomenica. Derivato di fenomeno è “epifenomeno”, termine strettamente collegato a epifania e che indica non ciò che costituisce l'essenza vera e propria della realtà ma solo ciò che appare alla superficie quale manifestazione secondaria. “Epì”, infatti, in greco significa “su, sopra”, quindi l'epì-fenomeno è ciò che appare sopra, in superficie, e che, come tale, è superficiale, mentre l’essenza vera e propria che costituisce il significato della realtà sta sotto, nel fenomeno originario …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Filosofia dell’ascolto

In primo piano

Occorre imparare ad ascoltare per evolvere, mentre siamo sempre più egoriferiti e sordi agli stimoli. Noi siamo come suoni ma possiamo diventare musica, e per farlo dobbiamo accordarci con gli altri 

beautiful-winter-snowy-natural-landscape-sunset_76964-31197

Filosofia dell'ascolto [PDF]

Tutte le cose più importanti della vita avvengono al passivo. Dicendo “passivo” qui non intendo inerzia o inattività bensì “passione”, termine che ha un duplice senso: irresistibile trasporto (“non resisto, è la mia passione”) e insopportabile sofferenza (“la passione di Cristo”, o anche “la passione di Gaza”). Tale concetto veicola le due esperienze decisive dell’esistenza, la bellezza e la sofferenza. Le quali vengono esperite entrambe al passivo. Per questo sostengo che tutte le cose più importanti della vita avvengono al passivo …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Laboratorio di Etica 2024 – Il Super Ego

In primo piano

Torna al MAST.Auditorium di Bologna 

il LABORATORIO DI ETICA di e con VITO MANCUSO

sesta edizione: IL SUPER-EGO

MaterialiLabEtica_CoverFacebook

Un ciclo di quattro lezioni con ospiti dal 2 febbraio 2024. 

Già aperte le prevendite dei biglietti al seguente link: 

https://www.vivaticket.com/it/venue/auditorium-mast/514145061  

oppure in presenza nei punti vendita Vivaticket ai link indicato

https://shop.vivaticket.com/it/ricercapv

Il più comodo e universalmente conosciuto si trova in centro 

Bologna Welcome – Official Tourist Office, Piazza Maggiore


Il Laboratorio di Etica di Vito Mancuso nasce dal bisogno, oggi più che mai attuale, di comprendere la realtà nella quale viviamo.

Dopo  Le Virtù nel 2019, I Maestri Spirituali nel 2020, La Pandemia nel 2021 e Guerra e pace nel 2022, I miei principi morali nel 2023, Vito Mancuso torna a Bologna negli spazi dell’Auditorium della Fondazione MAST con un ciclo di quattro lezioni dedicate al Super-Io, l’istanza psichica che secondo il padre della psicoanalisi Sigmund Freud regola il comportamento e presiede alla coscienza morale. Come si applica questo concetto nella contemporaneità? A muovere l’essere umano sono ancora degli ipotetici ideali verso i quali ogni persona tende con il suo comportamento o oggi ci si basa solo sui propri interessi personali?

 «Super-ego, o Super-io, è un termine coniato da Freud per designare un’istanza superiore all’ego, una specie di giudice interiore che censura e non di rado reprime. Oggi ce ne stiamo sbarazzando, forse ce ne siamo già sbarazzati del tutto. Ma i risultati quali sono? La disfatta etica dei nostri giorni ci porta a chiederci se è possibile avere una vita e una condotta etica senza avvertire dentro di sé il richiamo di un’istanza superiore rispetto ai propri interessi». Vito Mancuso

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Il vero problema non è il patriarcato ma il culto della forza di cui siamo schiavi

In primo piano

In piazza gli slogan contro l’uomo al centro della società, ma la radice del male è la venerazione del potere. Quella che aveva Margaret Thatcher e non Gandhi. A uomini e donne dico: l’unica liberazione è la cultura. 

Il vero problema non è il patriarcato [PDF]

Schermata 2023-11-24 alle 18.28.14

L’altra sera, invitato da mia figlia, ho partecipato con lei e il suo ragazzo alla manifestazione contro la violenza sulle donne organizzata a Bologna da “Non Una di Meno”. C’erano diverse migliaia di persone, per lo più giovani, in maggioranza donne, ma anche noi uomini non eravamo pochi, ho persino intravisto alcuni signori definibili, come me, “di una certa età”. Cartelli, fischietti, alcune trombe, qualche pentola e relativi cucchiai, insomma le solite cose usate da sempre nelle manifestazioni per fare baccano e farsi notare. Di nuovo, per lo meno per me, c’erano le chiavi di casa, agitate da molte ragazze per simboleggiare con il loro tintinnio che neppure in casa si sentono sicure. Le agitava anche mia figlia, però con l’altro braccio si stringeva a me, quindi quel suo gesto non mi preoccupava. Al di sopra ovviamente svettavano gli slogan, gridati con forza e passione dalle giovani donne. Il più ripetuto era il seguente: “Lo stupratore / non è malato, / è figlio sano / del patriarcato” …

Continua a leggere

Pubblicato in Home