Pace come equanimità

In primo piano

LO STUDIO È L'ARTE DELLA PACE
Un appello alla cura della sapienza e della scoperta, affinché tornino virtù pubbliche e politiche
 
215718435-936e80f5-d6d9-4a43-85d9-b5f7a3218882

 

 

Pace come equanimità [PDF]

 

Sentiamo di vivere in un mondo sull'orlo del precipizio e sentiamo bene: siamo sull'orlo del precipizio. Non lo siamo però a causa di quanto pensiamo immediatamente, ma perché è fuggita dal mondo la sapienza. Con questo non intendo minimizzare i problemi di oggi nella loro concretezza quali il cambiamento climatico, l'oscuro futuro cui ci consegna la tecnologia, l’imperversare delle guerre, la lacerazione del tessuto sociale, le massicce migrazioni e le conseguenti reazioni identitarie. Sono consapevole del fatto che le testate atomiche negli arsenali di alcuni stati sono in numero tale da distruggere più volte questo nostro piccolo pianeta blu, meraviglia assoluta nel nero dello spazio cosmico. So bene, inoltre, che l'umanità non ha mai vissuto tempi felici, mi ricordo bene l’incipit di Kant nel saggio sul male radicale: “Il mondo va di male in peggio: è questo un lamento antico quanto la storia.” Proseguiva: “Secondo questa prospettiva noi oggi (un oggi che però è antico quanto la storia) viviamo nel tempo estremo: l’ultimo giorno e la fine del mondo sono alle porte”. Era il 1793, ma ancora oggi ognuno può cantare con Mina “sono ancora qui” e con Vasco Rossi “sono ancora qua” …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Prossimi appuntamenti con Vito

In primo piano

ANDRIA lunedì 10 giugno, Seminario Vescovile ore 20.15

Al Festival della Disperazione il prof. Vito Mancuso ci inviterà a riflettere su

"QUAL È L'OPPOSTO DI DISPERAZIONE?”Info al sito www.festivaldelladisperazione.it

Schermata 2024-05-20 alle 17.44.29


NOVA MILANESE domenica 7 luglio piazza Vertua Prinetti (in caso di maltempo: via Biondi) ore 18:00

Nell’ambito della XIV edizione 2024 della Festa della Fiolosofia, Natura, Uomo e Intelligenza Artificiale, Vito Mancuso: “Intelligenza naturale e intelligenza artificiale”. Ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti.

WhatsApp Image 2024-05-13 at 18.25.03


 

Pubblicato in Home

Intervista a Repubblica di Parma

In primo piano

Perché non possiamo fare a meno di ciò che ci intrappola. La via della liberazione passa dall’acquisire fiducia.

150324-140933-vitomancuso2048x0c5389a27ee77deb49d07cb2d972535f21

Intervista a Repubblica di Parma di Lucia De Ioanna

Intervista a Vito Mancuso Repubblica di Parma [Link]

Il teologo e filosofo ospite del Festival Libri Suoni Destinazioni. “Possiamo vivere senza l’amore? No, ma l’innamoramento è spesso un assillo, un travaglio, un incubo da cui è difficile liberarsi”.“Non ti manchi mai la gioia. Voglio, però, che ti nasca in casa: e ti nascerà, se sorge dentro di te”: così scriveva Seneca a Lucilio in una lettera che è un messaggio nella bottiglia per i posteri, per noi tutti quindi, come sa bene Vito Mancuso, uno tra i più autorevoli teologi e filosofi contemporanei, che nel suo ultimo saggio, Non ti manchi mai la gioia. Breve itinerario di liberazione (Garzanti) proprio a partire dalle parole del filosofo contemporaneo di Gesù offre al lettore una bussola tutta interiore per orientarsi verso una gioia che, come avvertiva già Seneca, non è uno scherzo ma è una cosa molto seria: “Verum gaudium res severa est”.

Occasione preziosa per ascoltare le riflessioni del teologo, profonde e accessibili perché sempre connotate da un’affabilità non di superficie che è apertura all’altro, la conversazione con Vito Mancuso Per una vita autentica che sappia sperimentare la gioia di vivere che si è tenita il 4 maggio alle 18 nel Palazzo Ex Orsoline Spazio Of di Fidenza all’interno della terza edizione dell’Lsd Festival Libri Suoni Destinazioni, quest’anno intitolato Sogno e son desto.

Le trappole in cui ci sentiamo costretti, che abbiano l’aspetto delle fiere incontrate da Dante, di una foresta buia, di un labirinto, di uno schermo o dello scarafaggio in cui Kafka trasformò Gregor Samsa, come avverte Mancuso, «esistono in realtà solo dentro di noi, sono i nostri pensieri sbagliati». Se la letteratura fin dalle sue origini insegna che siamo in lotta da sempre con questa sensazione di stallo e di impotenza, con la sensazione di essere braccati e senza scampo, quello che è cambiato, avverte Mancuso, è il nostro modo di reagire. Siamo passati dal cercare una via d’uscita nella religione a cercarla in una nuova fede che celebra il culto dell’Io: ma il narcisismo è solo un’altra forma della trappola.


Per potersi liberare, occorre prima di tutto conoscere la condizione della trappola?

"Ovidio, duemila anni fa, descrivendo il suo rapporto con Corinna, scrive ‘Né senza di te, né con te, sono capace di vivere’, condizione cantata ai nostri giorni dagli U2 nella stessa forma: ‘With or without you / I cant’t live’. La trappola è tale perché non possiamo fare a meno di ciò che ci intrappola: con Corinna la vita era diventata un inferno, ma senza di lei lo sarebbe stata perfino di più”. Prendere coscienza significa avvertire che l’essere intrappolati non è condizione contingente, occasionale, ma “riguarda l’esistenza umana nella sua totalità”: gli ambiti vitali in cui si dispiega la nostra esistenza, “proprio perché danno vita e risultano indispensabili, legano a sé e quindi intrappolano”.

Continua a leggere

Pubblicato in Home

La nostra “opera” è la nostra esistenza

In primo piano

Riflessione sul primo maggio: il lavoro interiore

semenzaio-una-scatola-meravigliosa

Il lavoro interiore [PDF]

“Tu che lavoro sei?”. Ecco la domanda che in questo 1° Maggio 2024 dovremmo porre a noi stessi al posto di quella consueta “tu che lavoro fai?”. Il lavoro, infatti, prima ancora di essere un compito esteriore che si svolge, è l’essenza interiore di ogni fenomeno naturale. Nella misura in cui qualcosa è, lavora; se non lavorasse, non sarebbe. Lavoro ed esistenza, ontologicamente, coincidono …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Quel lupo universale chiamato desiderio

In primo piano

Il primo episodio di #Agorà ovvero il bel dialogo dialogo tra #MarziaTomasin e #VitoMancuso a Villa Pace Tapogliano (UD).

Agorà è un progetto culturale sostenuto da Marzia Tomasin, come Utopia impresa.

Partendo dal libro “Non ti manchi mai la gioia. Breve itinerario di liberazione” scritto da Vito Mancuso e pubblicato da Garzanti Editore, si è cercato di calare e tradurre i contenuti, le riflessioni e le suggestioni che emergono dal testo nella realtà dell’impresa.

Che cosa significa pensare l’impresa? Dove e come l’impresa può trovare un orientamento nella complessità del tempo presente? Qual è il dovere morale dell’uomo e quindi anche di chi fa impresa? La gioia può liberare l’impresa dalla trappola del mero profitto? Sono alcuni dei temi sollevati da Marzia Tomasin e posti all’attenzione e all’analisi di Vito Mancuso. Il risultato è una serie di sagge e preziose indicazioni capaci di far riflettere gli uomini e le donne d’impresa e di alimentarne l’agire.

«Tutto avrà nome potere, e il potere volontà, e la volontà desiderio, e il desiderio, lupo universale, assecondato doppiamente dalla volontà e dal potere farà dell’intero universo la sua preda per poi, alla fine, divorare se stesso». 

William SHAKESPEARE, TROILO E CRESSIDA (ATTO PRIMO, SCENA TERZA), 1602

Pubblicato in Home

La speranza ci rende altruisti

In primo piano

La situazione è grave, ma l'essere umano è fatto per andare oltre. Per Hannah Arendt possiamo pensare oltre ai limiti della nostra conoscenza

Schermata 2024-03-31 alle 18.06.47

La speranza ci rende altruisti [PDF]

È possibile oggi sperare? La situazione è tale che la scritta posta da Dante sulla porta dell’inferno, “Lasciate ogni speranza voi ch’entrate”, verrebbe collocata da molti all’interno dei reparti di ostetricia quale benvenuto ai nuovi arrivati. Siamo così in preda all’ansia che avvertiamo il mondo come una nave alla deriva carica di disperazione destinata presto a sprofondare nei gorghi del nulla. Dominati da questi neri sentimenti, è logico che il nostro cuore si restringa e che noi ci rapportiamo agli altri solo in funzione del nostro interesse, lo sguardo avido, freddo, calcolatore: ritorniamo allo stato di raccoglitori-cacciatori, ma senza nessuna meraviglia originaria. Io credo, però, che il compito del pensiero responsabile sia di opporsi a questa disperazione e per quanto mi riguarda nei reparti di ostetricia quale frase di benvenuto per i nuovi arrivati appenderei quest’altra frase di Dante: “Se tu segui tua stella, non puoi fallire a glorioso porto”. Occorre tornare a coltivare speranza e ad avere fiducia nella navigazione nella vita …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Intervista a smitalia

In primo piano

Impariamo a navigare nelle contraddizioni

MANCUSO SM 1_241

Intervista di Giuseppe Gazzola

smitalia [PDF]

Viviamo tempi difficili. Quando arriva la diagnosi di una malattia che durerà tutta la vita, ma anche quando ci arriva la notizia dell'ennesimo drammatico femminicidio. Quando ogni giorno bambini innocenti muoiono in una delle tante guerre che devastano il mondo e ci chiediamo perché. Perché gli uomini e le donne sembrano sempre più intensamente aggressivi, soli, insensibili all'altro? Siamo ancora capaci di empatia, di vivere quella solidarietà sincera che è cuore e sangue di una società inclusiva, libera e giusta? Ne abbiamo parlato con Vito Mancuso, teologo e scrittore. In un'Italia dove nessuno legge più niente, a parte i post dei social, è uno dei pochi uomini a vivere grazie ai libri che pensa, scrive e pubblica con ottimi riscontri di pubblico. Navigando nel suo pensiero lucido e appassionato, talvolta scomodo, mai banale, cerchiamo insieme a lui una bussola per orientarci in questi tempi incerti e burrascosi, dove siamo chiamati ogni giorno a fare la nostra parte. 

Perché Vito questi sono giorni difficili? Qual è dal tuo osservatorio la grande crisi che stiamo affrontando come persone e come società? 

In realtà, se guardiamo alla storia dell'umanità, dobbiamo dire che non ci sono stati mai giorni facili per nessuno. I testi che sono giunti a noi dall'antico Egitto, dalla Mesopotamia o anche i testi ebraici e greci, come quelli di Esiodo, ci dicono che è sempre stato difficile, però ogni epoca ha la sua difficoltà. Il grande problema del nostro tempo e della nostra civiltà è la mancanza di un orientamento, uno scopo, una visione che non sia solo quella del traguardo contingente che ciascuno raggiunge, potere, piacere, ricchezza che oggi sembrano la meta cui un po' tutti tendono. Siamo sulla nave, riusciamo a pescare pesci e a nutrirci, andiamo avanti in qualche modo, ma dove stiamo andando non lo sappiamo, soprattutto i giovani avvertono il bisogno di una prospettiva che va dal di là del piccolo cabotaggio della. Immediata …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Il fine vita è nella Bibbia

In primo piano

INVITO I PRELATI CONTRARI A UN DIBATTITO PUBBLICO
Intervista di Rosalba Carbutti al prof. Vito Mancuso, pubblicata sul Resto del Carlino il 03.03.2024
 
WhatsApp Image 2023-10-12 at 22.35.43
I vescovi dell'Emilia-Romagna che "scomunicano" Stefano Bonaccini per la delibera sul fine vita? "Non li capisco", dice il teologo Vito Mancuso. Per questo, apre al dialogo:
"Ragioniamone insieme in pubblico. Discutiamone".
 
Da cattolico, quindi, lancia un dibattito con i vescovi?
 
"Se essere cattolico significa obbedire sempre e comunque all'etica e alla dottrina del magistero da tempo non lo sono. Preferisco dire credente. E da credente di fronte al suicidio medicalmente assistito specifico che entrano in gioco due principi decisivi: la coscienza e la dignità, cardini attorno ai quali ruota il mio pensiero. Se i prelati volessero discuterne con me, in armonia, ci sono. Il tema è delicato, non esistono certezze" …
 

Continua a leggere

Pubblicato in Home

La solitudine di Francesco

In primo piano

Intervista di Giovanni Panettiere per 

Quotidiano.net [Link]

Schermata 2024-01-16 alle 18.41.53

Non c’è solo la proverbiale ironia di papa Francesco dietro quel suo riconoscersi solo alla luce di scelte pastorali coraggiose, da ultima il via libera alle benedizioni delle coppie gay. «Traspare anche una certa paura, mista ad amarezza, per il rendersi conto che ampie fette della Chiesa, quelle più praticanti, non lo stanno seguendo», è il teologo Vito Mancuso a mettere il dito nella piaga della crescente solitudine di Bergoglio sullo sfondo dell’apparizione di quest’ultimo al programma Che tempo che fa.

Anche a livello internazionale gli appelli del Papa per l’ambiente e la pace cadono regolarmente nel vuoto, non trova?

Assolutamente sì, ma, pur se non viene dato seguito ai suoi moniti, non esiste al mondo altra autorità morale e spirituale eccetto la sua. E questo disturbare il potere politico ed economico, anche a costo di fallire, rappresenta la sorte stessa di Francesco.

Un destino da 3 milioni di spettatori rimasti incollati l’altra sera alla tv per ascoltare le sue parole… 

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Secondo viaggio in Grecia con Vito Mancuso

In primo piano

«CONOSCI TE STESSO»

Secondo viaggio in Grecia con Vito Mancuso da 22 al 29 ottobre 2024 alla ricerca delle nostre radici tra filosofia, teologia, spiritualità e arte  

meteore

Il senso del viaggio è in continuità con lo spirito che ha animato il precedente itinerario in Israele (La Terra Santa dei credenti e dei perplessi), come si può comprendere dall'introduzione del prof. Vito Mancuso: 

«Un grande intellettuale del secolo scorso, Erich Auerbach, nella sua famosissima opera Mimesis, osservava che la nostra cultura occidentale è rinconducibile a due matrici: da un lato la Bibbia, dall’altro l’Odissea. Abramo e Ulisse: il pellegrino che esce dalla sua casa per incamminarsi verso la terra che Dio gli indica e il viaggiatore intrepido che, dopo innumerevoli prove, ritorna ad Itaca, sono i due miti che hanno forgiato la nostra visione della realtà e che ciascuno, dentro di sé, può riconoscere in perenne confronto dialettico».  

È appunto con questo spirito che nasce il nuovo itinerario in Grecia. Sollecitati da quel “conosci te stesso”, pronunciato dall’oracolo di Delfi, i partecipanti riscopriranno le radici più profonde della nostra visione del mondo, aiutati dalla riflessione filosofica che lì è nata e dalla teologia cristiana che con essa si è confrontata, accettandone contenuti e linguaggio. Respireranno e assaporeranno la spiritualità di quel Paese, ricco di bellezze naturali mozzafiato e di opere artistiche che hanno condizionato il gusto estetico occidentale, convinti che – come disse Simone Weil, una delle più limpide menti del Novecento – di fronte a un simile fulgore è impossibile non riconoscervi le tracce del mistero che si manifesta in quella che, non a caso, lei definiva “La rivelazione greca”. 

Info costi ed scrizioni al sito Geaway [Link]

Programma:

1° giorno ITALIA – SALONICCO (TESSALONICA) 

Ritrovo dei partecipanti in aeroporto di Milano Malpensa. Disbrigo delle formalità di imbarco e partenza con volo di linea per SALONICCO. All’arrivo incontro con la guida. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Il vero problema non è il patriarcato ma il culto della forza di cui siamo schiavi

In primo piano

In piazza gli slogan contro l’uomo al centro della società, ma la radice del male è la venerazione del potere. Quella che aveva Margaret Thatcher e non Gandhi. A uomini e donne dico: l’unica liberazione è la cultura. 

Il vero problema non è il patriarcato [PDF]

Schermata 2023-11-24 alle 18.28.14

L’altra sera, invitato da mia figlia, ho partecipato con lei e il suo ragazzo alla manifestazione contro la violenza sulle donne organizzata a Bologna da “Non Una di Meno”. C’erano diverse migliaia di persone, per lo più giovani, in maggioranza donne, ma anche noi uomini non eravamo pochi, ho persino intravisto alcuni signori definibili, come me, “di una certa età”. Cartelli, fischietti, alcune trombe, qualche pentola e relativi cucchiai, insomma le solite cose usate da sempre nelle manifestazioni per fare baccano e farsi notare. Di nuovo, per lo meno per me, c’erano le chiavi di casa, agitate da molte ragazze per simboleggiare con il loro tintinnio che neppure in casa si sentono sicure. Le agitava anche mia figlia, però con l’altro braccio si stringeva a me, quindi quel suo gesto non mi preoccupava. Al di sopra ovviamente svettavano gli slogan, gridati con forza e passione dalle giovani donne. Il più ripetuto era il seguente: “Lo stupratore / non è malato, / è figlio sano / del patriarcato” …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Perchè negare questa libertà?

Intervista di Silvia Bignami al prof. Vito Mancuso sul tema del fine vita, pubblicata su Repubblica Bologna del 14 febbraio 2024
 
173301586-166f9bf1-df67-4d83-a7c6-d941e4d4a17f
 
 
«Io credo che uno Stato debba garantire di vivere in libertà anche l'ultimo momento della vita, che è la morte. In questa libertà sta la sacralità della vita stessa. Se essere cattolico significa negare questa libertà, se significa solo obbedienza al magistero, allora io sono credente, ma non sono più cattolico." Il teologo Vito Mancuso è favorevole al fine vita e ragiona sul travaglio dei cattolici, anche tra gli eletti in consiglio regionale, decisi a votare no alla legge proposta dall'associazione Luca Coscioni. "La morte è l'ultima pagina del libro della nostra esistenza – spiega Mancuso – perché non dovremmo consentire a ognuno di viverlo come crede? O dobbiamo costringere le persone a buttarsi dal balcone, come ha fatto Mario Monicelli? Non tutti ne hanno il coraggio».
 
Mancuso, la Regione ha approvato le linee guida per il fine vita con una delibera, ma non ha fatto una legge. Doveva almeno provarci?
 
«Non prendo posizione su questo aspetto, non è mio compito e non ne ho le competenze. Tanto più in un mondo in cui tutti prendono posizione su tutto, io le dico che non so se lo strumento sia quello giusto. Quello su cui posso dire qualcosa è invece il tema etico di fondo. E su questo io credo sia giusto che uno Stato garantisca di vivere in libertà anche la morte, che conceda il libero arbitrio su se stessi».
 

Continua a leggere

Pubblicato in Home