Qualcosa di perfettamente diritto

In primo piano

Associazione Nazionale Magistrati 18 giugno 2021, evento: "Beati i Giusti. In ricordo di Rosario Livatino". Per ricordare un grande uomo, per riflettere in modo costruttivo sulla professione di magistrato. Nell'Aula Magna della Corte di Cassazione a Roma l'evento in ricordo del magistrato Livatino. L'intervento del prof. Vito Mancuso inizia a 2:01 del timer.

Pubblicato in Home

Io vivo dunque desidero

In primo piano

Il desiderio è un sentimento ambiguo, da maneggiare con cura. Da Socrate a Buddha, dai padri della Chiesa a Leopardi: un intervento di Vito Mancuso tra i protagonisti di Torino Spiritualità 2021.

Schermata 2021-06-17 alle 20.21.45

Io vivo dunque desidero [PDF] Mancuso La Stampa 17giugno 2021[PDF]

Secondo le maggiori tradizioni sapienziali dell'umanità la proliferazione del desiderio caratterizza le persone instabili e immature in balia di sempre nuovi e imprevedibili desideri mentre il saggio ne ha pochi o nessuno. Socrate per esempio, mentre passava per il mercato di Atene, diceva a se stesso: «Di quante cose che non ho bisogno!». Lo stolto ama lo shopping, il saggio invece più che volentieri lo evita. Il desiderio in questa prospettiva è una malattia dell'anima, non a caso già l'etimologia designa una mancanza. E se ci pensate, c’è del vero in questa posizione: quand’è che siamo in pace con sé stessi? Quando non ci sono desideri. Ma non appena arriva un desiderio, l’equilibrio è rotto e si produce instabilità. Qualcuno ricorda le parole della regina malvagia allo specchio per ottenere l’oracolo? «Specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?». Ecco, spesso il desiderio si dice come brame e suscita avidità, cupidigia, bramosia, ci porta ad afferrare con le mani e con gli occhi. Quanto poi al suo contenuto, é abbastanza prevedibile, indirizzato com’è quasi sempre solo a ricchezza, piacere e potere.
L'instabilità però non è sempre negativa. Anzi, è solo grazie ad essa che si avviano i processi, a cominciare dalla vita, la cui dinamica consiste in una ricerca dell'equilibrio per poi romperlo di nuovo secondo una dinamica processuale attuata dal bisogno e dal desiderio. E cos'è l'amore per lo studio, per la ricerca, per l'impegno sociale, per la pratica spirituale, se non appunto un desiderio che cerca appagamento? E che cos'è lo stesso amore? …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Intervista a Periscritto

In primo piano

L’ospite di questo episodio è Vito Mancuso che è teologo, filosofo e l’autore del libro “A proposito del senso della vita” Garzanti Editore. La filosofia di Vito Mancuso è un’àncora preziosa in questi tempi difficili: rinnovando in noi il desiderio di antiche riflessioni, ci indica la strada per risalire alle radici profonde della nostra coscienza, e ci insegna come il senso e la direzione della nostra vita su questa terra vadano ricostruiti a piccoli passi, giorno dopo giorno, nella consapevolezza di trovarci al cospetto di qualcosa di più importante di noi stessi. Solo così sapremo entrare in armonia con la logica che determina il nostro cammino e amare quella semplicità naturale dentro di noi che è il vero segreto per una vita degna, una vita che vale la pena vivere, una vita autentica.

Intervista di Marzia Tomasin

Periscritto – Intervista a Vito Mancuso [Link]

Schermata 2021-06-16 alle 14.14.10

Pubblicato in Home

Alla ricerca del senso perduto

In primo piano

Ha ancora importanza interrogarsi sul significato della vita? Vito Mancuso in cento pagine elenca i motivi per cui a quella domanda non è possibile sottrarsi. E nel corpo c’è la risposta, nel corpo e nella sinergia con il mondo.
recensione/intervista di Daniela Monti per 7 Corriere della Sera

Alla ricerca del senso perduto [PDF]Corriere della Sera [PDF]

Schermata 2021-05-19 alle 13.48.34


No, non siamo diventati migliori, perché trovare un senso e una direzione nella vita richiede il coraggio di agire e di rischiare, la fatica di fare domande esistenziali (per definizione prive di risposta immediata), non basta stare chiusi in casa e applaudire dai balconi. Diventare migliori significa mettersi in viaggio, navigare in mare aperto esponendosi al dubbio e anche al naufragio, dice Vito Mancuso nel suo "A proposito del senso della vita", un piccolo libro che sta avendo molto successo. «Il senso della vita è una costruzione» scrive «una nostra costruzione, non è ancora finita e che non lo sarà mai». È fatica, assunzione di responsabilità. Il senso della vita è sinergia: tutto è aggregazione, interazione, fin dai tempi de "L'anima e il suo destino" Mancuso è il filosofo/teologo della relazione intesa come principio costitutivo dell'essere (contro la supremazia della sostanza aristotelica, che sta alla base della cultura occidentale). «Siamo sempre in relazione, anche quando siamo soli. Hannah Arendt diceva che la vera ragione che la spingeva a non fare del male agli altri era che poi avrebbe dovuto convivere con una delinquente dentro di sé, quindi esiste proprio una dimensione intrinsecamente relazionale a partire da quella fra noi e noi» …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

A proposito del senso della vita – recensione UltimaVoce.it

In primo piano

di Giulia Della Michelina, 17 Maggio 2021 – UltimaVoce.it

Schermata 2021-05-19 alle 13.48.34

APSV recensione Giulia della Michelina [PDF]Ultimavoce.it [Link]

Ha ancora senso interrogarsi sul significato della vita? Dopo millenni in cui la filosofia non è riuscita a dare una risposta unanime e l’unica certezza a cui possiamo appellarci sembra la fredda oggettività della scienza? Vito Mancuso in A proposito del senso della vita (Garzanti 2021) ci spiega perché ne vale ancora la pena. Con un linguaggio di straordinaria chiarezza e argomentazioni altrettanto rigorose, Mancuso ci accompagna passo per passo alla riscoperta della cura di sé e degli altri, perché non esiste senso al di fuori della relazione.

Le domande esistenziali appaiono così anacronistiche e fuori posto in un mondo ormai dominato dalla logica dell’apparenza e del consumo. Ma la pandemia ha fatto riemergere l’antico malessere che affligge gli esseri umani e che Mancuso identifica con la mancanza di identità. Viviamo in una condizione “dissociata”, sia da noi stessi che dagli altri. E questa vaghezza porta spesso alla costruzione fittizia di un’identità oppositiva, creando conflitti e nemici. Secondo il filosofo, abbiamo perso un’idea e una direzione collettiva, disperdendoci e isolandoci sempre di più. Se il senso della comunità è venuto meno, le grandi ideologie si sono sbriciolate e perfino “Dio è morto”, non dobbiamo tuttavia abbandonarci al regno dell’assurdo e del non-senso. C’è ancora qualcosa che può fare luce attorno a noi.
È la natura a costruire il punto di appoggio aggrappandoci al quale possiamo sviluppare un’identità basata sull’armonia e non sulla contrapposizione e sull’odio …

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Prossimi appuntamenti con Vito

In primo piano

Sabato 19 giugno, TORINOSPIRITUALITÀ 2021 al Padiglione (Piazza Carlo Alberto) ore 15:00

Ogni desiderio è desiderio vero? Ogni desiderio, per il solo fatto di esserci, è desiderio di vita autentica? Risponde Vito Mancuso nella lezione "Conatus essendi" a Torino Spiritualità2021 #Desideranti. Biglietti al Circolo dei lettori e online qui: http://bit.ly/TicketMancuso.

16_9-1536x864


Misano Adriatico giovedì 24 giugno giardino della Biblioteca Comunale via Rossini 7 ore 21:00

Nell’ambito della rassegna di incontri “Panta Rei” meditazioni sul tempo, conferenza del prof. Vito Mancuso “Il tempo tutto toglie tutto dà”. Ingresso libero fino ad esaurimento posti con modalità previste dalle normative vigenti. Info 0541 618484 www.misano.org

PHOTO-2021-05-12-14-12-16

Continua a leggere

Pubblicato in Home

Dialogo intorno al senso della vita

In primo piano

Sappiamo cosa vogliamo avere, ma non sappiamo più chi vogliamo essere. Partendo dal materialismo che domina la nostra epoca,Vito Mancuso, ospite di Quante Storie, esplora il significato più profondo dell'esistenza umana e spiega perché il senso della nostra vita non può essere disgiunto dalla considerazione per gli altri e dalla consapevolezza di essere parte di un progetto più grande di noi.

Quante Storie 6.5.2021 [Link]

Quante Storie

 

Pubblicato in Home

A Proposito del Senso della Vita

In primo piano

«Essere semplici, di quella semplicità naturale che sorge dal nostro interno, e che è il segreto della vera bellezza».

MancusoSENSOpiatto
Sappiamo alla perfezione cosa vogliamo avere – ricchezza, piacere, potere – ma non sappiamo più chi vogliamo essere. Nella grave crisi in cui siamo immersi, necessitiamo continuamente di avversari per definire le nostre identità, e spesso ci scopriamo nemici addirittura di noi stessi, in una sorta di permanente guerra interiore. La filosofia di Vito Mancuso è un’àncora preziosa in questi tempi difficili: rinnovando in noi il desiderio di antiche riflessioni, ci indica la strada per risalire alle radici profonde della nostra coscienza, e ci insegna come il senso e la direzione della nostra vita su questa Terra vadano ricostruiti a piccoli passi, giorno dopo giorno, nella consapevolezza di trovarci al cospetto di qualcosa di più importante di noi stessi. Solo così sapremo entrare in armonia con la logica che determina il nostro cammino e amare quella semplicità naturale dentro di noi che è il vero segreto per una vita degna, una vita che vale la pena vivere, una vita autentica.

Titolo: «A proposito del senso della vita»; ISBN 9788811000778; Autore Vito Mancuso; Casa Editrice Garzanti; Aree tematiche Saggi; Dettagli: 112 pagine, Cartonato. In libreria dal 5 maggio 2021.

Pubblicato in Home

Un Manifesto per la nuova Scuola

In primo piano

Schermata 2021-05-02 alle 21.39.02

Il Manifesto per la nuova Scuola è un documento elaborato da un gruppo di insegnanti di tutta Italia, che è stato sottoscritto da moltissimi docenti anche universitari e da intellettuali come Alessandro Barbero, Mauro Biani, Chiara Frugoni, Carlo Ginzburg, Domenico Iannacone, Vito Mancuso, Dacia Maraini, Tomaso Montanari, Roberto Piumini, Filippomaria Pontani, Adriano Prosperi, Massimo Recalcati, Salvatore Settis, Gustavo Zagrebelsky.
Si tratta di una proposta organica di rilancio della scuola su base culturale, che tenga insieme le dimensioni tra loro interconnesse dell’istruzione, della relazione e della crescita umana dei giovanissimi, che restituisca centralità alla funzione dei docenti, che liberi il processo educativo da burocrazia e “distrattori” di ogni tipo, che riporti al centro della scuola l’ora di lezione, strumento di trasmissione e condivisione di conoscenza e passione culturale, per contrastare la diffusione a macchia d’olio dell’analfabetismo tra le nuove generazioni, acuita da vent’anni di disastrose riforme e dal lungo periodo di sospensione dell’attività didattica in classe.

Manifesto per la nuova Scuola [PDF]

Pubblicato in Home

Talk | Judith Koelemeijer – Etty Hillesum’s biography

In primo piano

unnamed-1
(sotto la nostra traduzione)
On the occasion of the crowdfunding campaign for the Etty Hillesum House, Judith Koelemeijer will have a conversation with us to sustain the EHH and contribute to this important cause in honour of Etty Hillesum. Attend the event by donating a little contribution, which will help the Etty Hillesum House establish its many future activities.
 
Registration

Abstract
The writer Judith Koelemeijer has been working since a few years on the biography of Etty Hillesum. On 22nd April she will be interviewed about her work. What were her main questions during the research? To whom could she still speak about Etty Hillesum? And how and where did she find new sources? 
In a talk with Lucrezia Zanardi Judith will try to reveal different aspects of the complicated work she was confronted with in the last years. 
During her research Judith was followed by a crew of the Dutch television. On the 4th of May (21.00 o'clock, NPO 2) the NOS will broadcast this documentary: Etty Hillesum – zoektocht naar een schrijfster in oorlogstijd. 

About Judith Koelemeijer
Judith Koelemeijer (1967) is a writer of narrative nonfiction. She studied Dutch and Cultural History and worked several years as a journalist for the national paper De Volkskrant. In 2001 she published the family history Het Zwijgen van Maria Zachea, which sold over 350.000 copies. Her next books also became bestsellers. The biography about Etty Hillesum will be published in the spring of 2022. The event will take place via Zoom.

**TICKET**
You can join the lecture by registering here: 

https://ettyhillesumhuis.nl/a-talk-with-judith-koelemeijer/ 

and making a payment of € 10,- on behalf of the Etty Hillesum House. Your contribution will help us realizing more activities, lectures and workshops!

Many thanks for your support!

unnamed

Traduzione … Continua a leggere

Pubblicato in Home